Newsletter

Liquidazione delle spese e fase sommaria dell’opposizione all’esecuzione

Corte di Cassazione, Terza Sezione, Sentenza 26 aprile 2022, n. 12977

Area di attività: Procedura civile

In tema di opposizione all'esecuzione iniziata ex art. 615, comma 2, c.p.c. qualora il giudice dell'esecuzione non liquidi le spese della fase sommaria con l'ordinanza con cui provvede sulla sospensione, costituisce onere della parte vittoriosa, che abbia interesse alla relativa liquidazione, instaurare lo stesso giudizio di merito o, in alternativa, avanzare istanza di integrazione dell'ordinanza stessa, ai sensi dell'art. 289 c.p.c., prima della scadenza del termine di cui all'art. 616 c.p.c., anche allo scopo di garantire alle altre parti (previa eventuale loro rimessione in termini, ove occorra) la possibilità di contestare la liquidazione nell'ambito della fase di merito dell'opposizione; ne deriva che, in caso di inerzia della parte vittoriosa, dette spese non sono più ripetibili ne altrimenti liquidabili.

Download
Corte di Cassazione, Terza Sezione, Sentenza 26 aprile 2022, n. 12977
Cassazione civile sez. III, n.12977 del
Documento Adobe Acrobat 173.3 KB

La mancanza di scritture contabili non è sufficiente a giustificare la condanna dell’amministratore di una società

Corte di Cassazione, Prima Sezione, Ordinanza 12 maggio 2022, n. 15245

Area di attivitàDiritto fallimentare

La mancanza di scritture contabili, ovvero la sommarietà di redazione di esse o la loro inintelligibilità, non è in sé sufficiente a giustificare la condanna dell'amministratore in conseguenza dell'impedimento frapposto alla prova occorrente ai fini del nesso rispetto ai fatti causativi del dissesto. Essa presuppone, invece, per essere valorizzata in chiave risarcitoria nel contesto di una liquidazione equitativa, che sia comunque previamente assolto l'onere della prova circa la l'esistenza di condotte per lo meno astrattamente causative di un danno patrimoniale; sicché il criterio del deficit fallimentare resta sì applicabile, ma soltanto come criterio equitativo, per l'ipotesi di impossibilità di quantificare esattamente il danno in conseguenza dell'affermazione di esistenza della prova - almeno presuntiva - di condotte di tal genere. 

Download
Corte di Cassazione, Prima Sezione, Ordinanza 12 maggio 2022, n. 15245
ordinanza 12.05.22.pdf
Documento Adobe Acrobat 99.3 KB


Antitrust: la Commissione europea ha adottato il nuovo regolamento di esenzione per categoria relativo ai VBER

La Commissione europea ha adottato il nuovo regolamento di esenzione per categoria relativo agli accordi verticali, i cosiddetti VBER, ossia quegli accordi tra due o più imprese operanti a livelli diversi della catena di produzione o di distribuzione, che riguardano le condizioni alle quali le parti possono acquistare, vendere o rivendere determinati beni o servizi.

Il nuovo regolamento offre alle imprese norme e indicazioni più semplici, chiare e aggiornate, aiutandole a valutare la compatibilità dei loro accordi di fornitura e distribuzione con le norme dell'UE in materia di concorrenza. Le norme di cui al VBER sono state aggiornate per quanto riguarda, tra l'altro, la valutazione delle restrizioni online, degli accordi verticali nell'economia delle piattaforme e degli accordi che perseguono obiettivi di sostenibilità.

 

Nel dettaglio, le nuove norme:

  • restringono l'ambito di applicazione della zona di sicurezza per quanto riguarda: i) la doppia distribuzione, ovverosia una situazione in cui un fornitore vende i suoi beni o servizi tramite distributori indipendenti ma anche direttamente ai clienti finali e ii) gli obblighi di parità, ovverosia gli obblighi che impongono al venditore di offrire alla controparte condizioni uguali - o migliori - a quelle offerte sui canali di vendita di terzi, ad esempio su altre piattaforme, e/o sui canali di vendita diretta del venditore, ad esempio sul suo sito web;
  • ampliano l'ambito di applicazione della zona di sicurezza per quanto riguarda: i) alcune restrizioni della capacità dell'acquirente di sollecitare attivamente i singoli clienti, ovverosia le vendite attive e ii) determinate pratiche riguardanti le vendite online, in particolare la capacità di applicare allo stesso distributore prezzi all'ingrosso diversi per i prodotti destinati alla vendita online e offline e la capacità di imporre condizioni diverse per le vendite online e per le vendite offline nei sistemi di distribuzione selettiva. 

Il VBER e gli orientamenti relativi agli accordi verticali riveduti entreranno in vigore l'1 giugno 2022.

 

Leggi qui il comunicato stampa della Commissione europea.

Qui è disponibile una nota esplicativa che accompagna le norme rivedute.

 

La DG Concorrenza ha dedicato una pagina web all'argomento.


Fallimento: l’indicazione del titolo della prelazione deve essere verificata dal giudice

Corte di Cassazione, Sesta Sezione, Ordinanza 26 aprile 2022, n. 13043

Area di attivitàDiritto fallimentare

Alcuni ricorrenti deducono in giudizio la violazione delle norme in materia di processo fallimentare e in tema di violazione delle prove, in quanto il Tribunale aveva ritenuto che non fosse stato esposto in modo specifico il titolo del privilegio del credito.

La doglianza è fondata. Infatti, secondo la giurisprudenza di legittimità, in tema di formazione dello stato passivo, «l'indicazione del titolo della prelazione e della descrizione del bene sul quale essa si esercita, se questa ha carattere speciale, sancita dall'art. 93, comma 3, n 4, l.fall. (nel testo novellato a seguito del d.lgs. n. 5/2006 e dal d.lgs. n. 169/2007), quale requisito eventuale dell'istanza di ammissione in privilegio, deve essere verificata dal giudice, tenuto conto del principio generale secondo cui l'oggetto della domanda si identifica sulla base delle complessive indicazioni contenute in quest'ultima e dei documenti alla stessa allegati» (Cass. n. 33008/2019, n. 25316/2019, n. 10990/2021).

Nel caso di specie, i ricorrenti hanno allegato l'inadempimento della fallita relativamente agli obblighi assunti con contratti preliminari trascritti, riportando sia il contenuto dell'istanza di insinuazione al passivo sia dell'opposizione della causa del credito.

Download
Leggi l'ordinanza
ord. 260422.pdf
Documento Adobe Acrobat 91.2 KB

Corte di Cassazione, Sesta Sezione, Ordinanza 12 aprile 2022, n. 11794

In tema di responsabilità civile per danni da cose in custodia, la condotta del danneggiato, che entri in interazione con la cosa, si atteggia diversamente a seconda del grado di incidenza causale sull'evento dannoso, in applicazione - anche ufficiosa - dell'art. 1227 c.c., comma 1, richiedendo una valutazione che tenga conto del dovere generale di ragionevole cautela, riconducibile al principio di solidarietà espresso dall'art. 2 Cost., sicché, quanto più la situazione di possibile danno è suscettibile di essere prevista e superata attraverso l'adozione da parte del danneggiato delle cautele normalmente attese e prevedibili in rapporto alle circostanze, tanto più incidente deve considerarsi l'efficienza causale del comportamento imprudente del medesimo nel dinamismo causale del danno, fino a rendere possibile che detto comportamento interrompa il nesso eziologico tra fatto ed evento dannoso, quando sia da escludere che lo stesso comportamento costituisca un'evenienza ragionevole o accettabile secondo un criterio probabilistico di regolarità causale, connotandosi, invece, per l'esclusiva efficienza causale nella produzione del sinistro (Cass. n. 2480 del 2018).

Dunque la giurisprudenza di questa Corte ha chiarito che l'imprevedibilità dell'evento - quale elemento idoneo a rompere il nesso causale tra la cosa in custodia ed il danno - non va inteso in termini soggettivi ma oggettivi ponendosi cioè nell'ottica della causalità adeguata rispetto alla quale l'evento assuma, indipendentemente dalla colpa del custode, caratteristiche di inverosimiglianza. Quanto più il pericolo è suscettibile di essere previsto con l'adozione delle normali cautele, in un'ottica di auto-responsabilità, tanto più incidente è l'efficienza causale del comportamento imprudente del medesimo fino alla rottura del nesso eziologico di cui all'art. 2051 c.c..

Download
Leggi l'ordinanza
Cassazione civile sez. VI, 12.04.2022 n.
Documento Adobe Acrobat 108.6 KB

Corte di Cassazione, Seconda Sezione, Ordinanza interlocutoria 11 aprile 2022, n. 11600

La Seconda sezione civile ha effettuato un rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea, ai sensi dell’art. 267 TFUE, con la richiesta di chiarire se gli artt. 49 e 54 TFUE ostino a che uno Stato membro, in cui è stata originariamente costituita una società (nel caso di specie, una società a responsabilità limitata costituita in Italia), applichi alla stessa le disposizioni di diritto nazionale relative al funzionamento e alla gestione della società qualora quest’ultima, trasformata in un tipo sociale disciplinato dal diritto dello Stato membro di destinazione, nel quale abbia contestualmente trasferito la sede, mantenga il centro della sua attività nello Stato di origine e l’atto di gestione in questione incida in modo determinante sull’attività della società.

Corte di Cassazione, Prima Sezione, Sentenza 16 marzo 2022, n. 8463

La Prima Sezione civile, intervenendo sulla complessa ed attuale tematica della liquidazione coatta amministrativa delle banche venete di cui al d.l. n. 99 del 2017, conv. con modif. dalla l. n. 212 del 2017, ha affermato che, per effetto del rinvio operato dall’art. 2 dell’evocato d.l. alle norme del TUB, le quali a loro volta rinviano (ex art. 80 nel testo pro tempore) alle disposizioni della legge fallimentare per quanto non diversamente disposto, l’ammissione dei crediti con riserva, anche nello stato passivo della liquidazione coatta amministrativa delle banche suddette, è configurabile entro i medesimi limiti operanti nella formazione dello stato passivo del fallimento; ne consegue che il giudizio di condanna instaurato dai risparmiatori contro una delle banche venete anzidette, prima dell’apertura della l.c.a., non diventa improcedibile all’esito di tale apertura, ove sia stata già pronunciata la sentenza di merito, in quanto, a norma dell’art. 96 l.fall., il creditore, sulla base della sentenza impugnata, deve essere ammesso al passivo con riserva, mentre il commissario, dal canto suo, può proseguire il giudizio nella fase di impugnazione.



Pubblicata sentenza 87/2022 della Corte costituzionale in materia di sospensioni di pignoramenti immobiliari

La Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità dell’art. 4 del d.l. 137/2020, convertito in l. 176/2020, nella parte in cui sancisce l’inefficacia di «ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare» avente ad oggetto l’abitazione principale del debitore, effettuata dal 25 ottobre 2020 alla data di entrata in vigore della legge di conversione, ossia fino al 25 dicembre 2020.

La norma censurata determina un’irragionevole disparità di trattamento (dunque in violazione dell’art. 3 della Costituzione) tra i creditori che hanno notificato il pignoramento sugli immobili adibiti ad abitazione principale del debitore tra il 25 ottobre e il 25 dicembre 2020, che subirebbero la «sanzione» dell’inefficacia dell’atto, ed i creditori che hanno notificato lo stesso in una data precedente o successiva a quelle indicate.

Assume, inoltre, il giudice a quo la violazione dell’art. 24 Cost., in quanto l’impossibilità, nel predetto periodo, di pignorare l’abitazione del debitore pregiudica la garanzia del credito, atteso che non si produrrebbe l’inefficacia, nei confronti del creditore procedente e dei creditori intervenuti, degli atti di alienazione dei beni sottoposti a pignoramento quale prevista dall’art. 2913 del codice civile.

La norma censurata viola, inoltre, l’art. 3 Cost., poiché, allo scopo di tutelare il diritto di abitazione del debitore esecutato, contempla una conseguenza eccessivamente pregiudizievole per il creditore, che non si pone in necessaria correlazione con siffatta finalità di tutela.

Infatti, il predetto diritto, certamente meritevole di speciale protezione, costituendo esso un «diritto sociale» incluso nel catalogo dei diritti inviolabili, per un verso non viene meno per effetto della sola apposizione del vincolo del pignoramento e, per l’altro, era già adeguatamente tutelato, nello stesso periodo, dalla proroga della sospensione delle relative procedure esecutive, oltre che dalla sospensione dell’esecuzione dell’ordine di rilascio dell’immobile.

Il bilanciamento tra i diritti coinvolti è stato così operato dal legislatore, che pure gode in questa materia di ampia discrezionalità, in maniera manifestamente irragionevole, con la previsione, in danno del creditore, di una sanzione processuale (l’inefficacia di «ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare») che, rispetto alla finalità perseguita, comprime il diritto del creditore procedente in misura eccessiva.


Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina (decreto-legge 18 marzo 2022)

Imprese energivore di interesse strategico: fino al 31 dicembre 2022, le garanzie emesse da SACE S.p.A. in favore di banche, istituzioni finanziarie nazionali e internazionali e altri soggetti abilitati all’esercizio del credito in Italia, che assistono finanziamenti concessi sotto qualsiasi forma ad imprese che gestiscono stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale individuati su proposta del Ministro dello sviluppo economico, coprono il 90% dell'importo del finanziamento concesso. Analoga garanzia è concessa per il finanziamento di operazioni di acquisto e riattivazione di impianti dismessi situati il territorio nazionale per la produzione di ghisa destinata all’industria siderurgica. Inoltre, fino a 150 milioni di euro sono destinati a progetti di decarbonizzazione del ciclo produttivo dell’acciaio presso lo stabilimento siderurgico di Taranto, proposti anche dal gestore dello stabilimento stesso ed attuati dall’organo commissariale di ILVA S.p.A., che può avvalersi di organismi in house dello Stato.

 

Il decreto interviene, tra l’altro, per rafforzare la disciplina del controllo degli investimenti stranieri in Italia, finalizzata all’esercizio dei poteri speciali spettanti al Governo (c.d. “golden power”), alla luce dell’accresciuta strategicità di alcuni settori e della necessità di potenziare le strutture amministrative coinvolte. 

 

Tra le misure introdotte, si segnalano le seguenti: 

  • nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, le operazioni oggetto di notifica comprenderanno anche quelle che hanno per effetto modifiche alla titolarità o alla disponibilità degli attivi, similmente a quanto avviene oggi per gli altri settori; 
  • è introdotta, per l’impresa acquirente e per l’impresa target, la notifica congiunta dell’operazione, in modo da evitare una notifica da parte dell’impresa acquirente e una notifica successiva da parte dell’impresa target una volta rinnovati gli organi sociali; 
  • sono stabilizzate, quanto al termine di efficacia che verrebbe meno il 31 dicembre 2022, alcune previsioni relative sia all’obbligo di notifica delle acquisizioni di minoranza da parte di operatori extra-UE, sia all’obbligo di notifica delle acquisizioni di controllo da parte di operatori intra-UE; 
  • è rivista la disciplina dei poteri speciali inerenti le reti di telecomunicazione elettronica a banda larga con tecnologica 5G e cloud;
  • saranno individuate misure di semplificazione delle modalità di notifica delle operazioni, dei termini e delle procedure relativi all’istruttoria, senza che sia necessaria la delibera del Consiglio dei ministri, per la definizione dei procedimenti in caso di mancato esercizio dei poteri speciali; 
  • saranno altresì individuate le modalità di presentazione di una pre-notifica delle operazioni al fine di ricevere una preliminare valutazione circa l’effettiva applicabilità della disciplina in materia di golden power e l’autorizzabilità dell’operazione.

Newsletter del 28.02.2022

Revocabilità del pagamento eseguito dal debitore successivamente fallito - Pegno

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 16 febbraio 2022, n. 5049

Area di attivitàProcedure concorsuali

 

Vedi Sentenza >>        Vedi Massima >> Vedi Massima >> 

Leggi l'approfondimento di Nomos >> 

Sui poteri della Corte di Cassazione in caso di violazione della disciplina della cosa giudicata nei giudizi di opposizione all'esecuzione o agli atti esecutivi

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 21 febbraio 2022, n. 5633

Aree di attivitàDiritto processuale civile

Vedi Sentenza >>           Vedi Massima >>

Non ammissibile la prova per testi della rappresentanza del socio in assemblea
Corte di Cassazione, Sezioni VI, Sentenza 21 febbraio 2022, n. 5621
Area di attività: Diritto societario
La regola secondo la quale il potere di rappresentanza dei soci in assemblea deve essere conferito per iscritto (e i documenti relativi devono essere conservati dalla società) esprime un principio generale (già desumibile dagli artt. 2372 e 2486, comma 2, cod. civ., per le s.p.a e ora anche 2479 bis cod. civ. per le s.r.l.), sicché è inammissibile la prova testimoniale diretta a dimostrare che un socio è stato rappresentato in assemblea da altra persona, tranne che in caso di perdita incolpevole del documento (vedi art. 2724 n. 3 cod. civ.).
Conto Corrente: ripetizione dell'indebito e onere probatorio
Corte di Cassazione, Sezioni I, Sentenza 19 gennaio 2022, n. 1550
Area di attività: Diritto bancario  
Ai fini della dimostrazione dell’indebito da pagamento di interessi anatocistici o a tasso ultralegale, grava sull’attore in ripetizione la prova negativa dell’inesistenza di tali accordi tra le parti che legittimino i pagamenti in contestazione.
A tal fine, la produzione del contratto a base del rapporto bancario è per un verso non indispensabile e per altro verso neppure sufficiente.
Non è sufficiente perché, anche una volta che sia stato esibito il contratto, resta possibile che l’accordo sia stato stipulato con un atto diverso e successivo; non è – soprattutto – indispensabile perché anche altri mezzi di prova, quali le presunzioni unitamente agli argomenti di prova ricavabili dal comportamento processuale della controparte, ai sensi dell’art. 116 secondo comma c.p.c., nonché al limite il giuramento, possono valere allo scopo di dimostrare l’assenza dei fatti costitutivi del debito dell’attore.


Possibilità di applicare retroattivamente il divieto di impugnare l’estratto di ruolo: rimessa alle Sezioni Unite

Corte di Cassazione, V sez., Ordinanza interlocutoria 11 febbraio 2022, n. 4526 

Le Sezioni Unite sulla revocabilità del pagamento eseguito nel periodo sospetto dal debitore fallito

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 16 febbraio 2022, n. 5049



Newsletter del 08.02.2022

Il Decreto Sostegni Ter

Il terzo Decreto Sostegni (D.L. n. 4 del 27 gennaio 2022) recante “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, nonché per il contenimento degli effetti degli aumenti dei prezzi nel settore elettrico” ha introdotto, tra l’altro, importanti modifiche alla disciplina dei crediti d’imposta da bonus edilizi.

 

Area di attività: Diritto tributario 

Leggi l'approfondimento di Nomos >> 


Consulente Tecnico d'Ufficio: poteri esercitabili, limiti e nullità

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 01 febbraio 2022, n. 3086 

Citazione nulla in primo grado: il contumace appellante ha diritto alla rimessione in termini

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 26 gennaio 2022, n. 2258 



Newsletter del 25.01.2022

Fideiussioni schema ABI: l’attesa sentenza delle Sezioni Unite

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 30 dicembre 2021, n. 41994

Area di attività: Diritto bancario

 

Leggi l'approfondimento di Nomos >>

 

Concordato preventivo: il credito del professionista è prededucibile nel successivo fallimento 

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, Sentenza 31 dicembre 2021, n. 42093

Aree di attività: Fallimento e procedure concorsuali

 

Vedi Sentenza >>           Vedi Massima >>

Legittime le clausole statutarie che autorizzano la convocazione delle assemblee esclusivamente mediante mezzi di telecomunicazione
Commissione Società Consiglio notarile di Milano, Massime 23 novembre 2021, n. 200
Area di attività: Diritto societario
Il danno da illegittima occupazione di immobile è un danno “in re ipsa”?
Corte di Cassazione, III sez., Ordinanza interlocutoria 17 gennaio 2022,  n. 1162

Area di attività: Diritto civile


Fusione per incorporazione: la legittimazione attiva della società incorporata conseguente alla sua estinzione

Alessandra Francesca Giganti – Junior Associate Nomos – Studio Legale e Tributario

 

Cassazione Civile, Sez. Unite, 30 luglio 2021, n. 21970 – Pres. Spirito, Rel. Nazzicone

Nell’ambito di una fusione per incorporazione, la società incorporata si estingue e, di conseguenza, non può avviare un giudizio in persona del suo ex amministratore, potendo, tuttavia, la società incorporante, spiegare intervento in corso di causa, ai sensi dell’art. 105 cod. proc. civ., nel rispetto delle regole che lo disciplinano.

Il suesposto principio di diritto è contenuto nella sentenza indicata in oggetto e si pone in contrasto con un precedente orientamento delle stesse Sezioni Unite in materia (Cass. Civ., Sez. Unite, n. 2637/2006), le quali, anche a seguito della riforma introdotta dal D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, escludevano che la fusione per incorporazione determinasse l’interruzione del processo ex art. 300 cod. proc. civ.

La decisione degli Ermellini del 2006 è stata poi confermata da diverse pronunce, le quali, in argomento, hanno richiamato la vicenda dell’incorporazione come “meramente evolutivo-modificativa”, escludendo, dunque, l’effetto successorio ed estintivo (cfr. Cass. Civ., n. 18188/2016).

Nel caso esaminato dalle Sezioni Unite del 2021, una società a responsabilità limitata, già cancellata dal registro delle imprese in quanto oggetto di fusione per incorporazione in un’altra società a responsabilità limitata, agiva in giudizio al fine di ottenere l’accertamento della simulazione ovvero, in subordine, la revoca ex art. 2901 cod. civ. di due successivi contratti di compravendita.

Il Giudice di prime cure accoglieva la domanda avanzata dalla società incorporata, riconoscendone, dunque, preliminarmente la legittimazione ad agire.

In sede di gravame, la Corte di Appello rigettava la proposta impugnazione, confermando la decisione del Tribunale e, quindi, ritenendo la validità dell’atto introduttivo del primo giudizio avanzato dalla società incorporata, poiché la fusione, in conformità a quanto disposto dall’art. 2504 bis cod. civ., costituisce una mera vicenda evolutivo-modificativa dello stesso soggetto, il quale permane e conserva la propria identità, anche se in un diverso assetto organizzativo.

Tale conclusione non è stata condivisa dal Supremo Consesso, il quale – evidenziando che la società incorporata ha cessato da lungo tempo i propri organi amministrativi dalle funzioni di legale rappresentanza - ritiene che la stessa società incorporata sia priva di capacità e legittimazione ad agire poiché estinta.

Nonostante tale statuizione, la Corte di legittimità, nella sua massima composizione, rigetta il ricorso presentato dalla incorporata, rilevando che, nel corso del giudizio di primo grado, la società incorporante è utilmente intervenuta, facendo propria la domanda iniziale e, così, ottenendo l’esclusione di qualsivoglia nullità del processo, sia per la prefata natura meramente modificativo-evolutiva della fusione, sia per la sopravvenuta costituzione nella causa.

Le Sezioni Unite, conformemente alle disposizioni dettate dal Codice Civile, nonché a quelle derivanti dal diritto comunitario (cfr. direttiva 2005/56/CE; Corte di Giustizia, 5 marzo 2015, C-343/13), affermano che non può considerarsi validamente avviato un processo da parte o nei confronti di una società incorporata.

Tuttavia, la Suprema Corte chiarisce che non si perverrebbe al medesimo assunto qualora la fusione sia sopraggiunta, ossia si realizzi nel corso del giudizio. In tal caso, si tratterebbe, infatti, ai sensi dell’art. 2504 bis cod. civ., di una prosecuzione dell’incorporante in tutti i rapporti giuridici delle società incorporate, anche processuali, così da evitare l’applicazione dell’interruzione del processo in caso di fusione di società.


Emergenza Coronavirus. Decreto Cura Italia: sintesi e suggerimenti

Lo Studio legale Nomos ha predisposto n. 3 brevi prospetti che riassumono e chiariscono i principali provvedimenti e aiuti introdotti (i) dal decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, rubricato "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19" e sinteticamente denominato “Cura Italia” (di seguito “Decreto”) e (ii) dai successivi interventi normativi e regolamentari.

 

In particolare:

1) il primo prospetto individua gli incentivi fiscali introdotti dal Decreto e evidenzia i casi di sospensione degli obblighi di versamento di tributi e contributi e di altri adempimenti fiscali;

2) il secondo prospetto si concentra sulle misure a sostegno dei lavoratori e delle aziende per la difesa del lavoro e del reddito, specificandone le relative procedure e condizioni di accesso; e

3) il terzo prospetto offre una dettagliata descrizione dei provvedimenti volti a sostenere la liquidità delle famiglie e delle micro, piccole e medie imprese, tramite il sistema bancario e l’utilizzo del fondo centrale di garanzia e delle rispettive procedure di accesso. A tal ultimo riguardo, vogliamo consigliare a tutti i beneficiari di un mutuo e/o di un finanziamento di rivolgersi alla propria filiale per ricevere consigli o suggerimenti circa l'eventuale sospensione degli stessi.

Download
Misure fiscali
Misure fiscali.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB
Download
Misure a sostegno del lavoro
Misure a sostegno del lavoro.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

Download
Mutui e fondo di garanzia
Mutui e fondo di garanzia.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

Decreto fiscale 2020: anticipate al 2019 le agevolazioni per i lavoratori impatriati

Al fine di combattere il fenomeno della “fuga dei cervelli”, il nuovo art. 13-ter del Decreto fiscale 2020, rubricato “Agevolazioni fiscali per i lavoratori impatriati”, anticipa all’anno di imposta in corso le agevolazioni fiscali per tutti coloro che, a decorrere dal 30 aprile 2019, trasferiscono la residenza in Italia.

POS: il Decreto fiscale 2020 conferma i meccanismi premiali per favorire l’utilizzo dei pagamenti elettronici.

A partire dal 1° luglio 2020, ai commercianti e ai professionisti, i cui ricavi e compensi riferiti all’anno d’imposta precedente non eccedano l’importo di 400.000 euro, verrà riconosciuto un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per transazioni effettuate con carte di pagamento.