Newsletter

Osservatorio Piazze d'Italia (6 maggio 2021)

Nel mese di aprile si è registrata un'intensa attività in ambito M&A e Finance sulle piazze regionali e, tra le principali insegne riportate da TopLegal, c'è anche NOMOS!

Il nostro studio legale e tributario, con l'avv. Maria Giovanna Ioppolo, ha curato gli aspetti finance dell'acquisizione della società Alfa Pompe di Verona da parte di Matec Industries di Massa Carrara. L'operazione è stata supportata da Intesa Sanpaolo, che ha così, ancora una volta, confermato il proprio concreto sostegno alle imprese italiane.


Nomos nell’operazione di nascita e consolidamento di un importante marchio newyorkese

Siamo orgogliosi di aver contribuito all'operazione di nascita e consolidamento in Italia di un importante marchio newyorkese, leader internazionale nel settore dell'eyewear, che conferma, così, di essere un indiscusso protagonista del mercato dell’occhialeria anche italiano ed europeo.
Un grazie al team e, in particolare, a Maria Giovanna Ioppolo ed Edoardo Tacconi per il lavoro svolto!

 

Ne ha parlato TopLegal.


Green Bond: cosa sono e come funzionano le obbligazioni sostenibili

Le “obbligazioni verdi” (o Green Bond) sono titoli obbligazionari associati al finanziamento di progetti con “un’impronta verde”. La loro emissione è, quindi, legata a iniziative che abbiano un impatto positivo sull’ambiente (si pensi, all’efficienza energetica, alla produzione di energia da fonti pulite, all’uso sostenibile dei terreni, ecc.).

In sostanza, i Green Bond servono a raccogliere capitali da investire in progetti vantaggiosi dal punto di vista ambientale (centrali eoliche, iniziative legate alla prevenzione e controllo dell’inquinamento, all’utilizzo sostenibile dell’acqua o all’edilizia eco-compatibile, per citare qualche esempio).

I principali elementi caratterizzanti i Green Bond sono: 1) selezione del progetto da finanziare o rifinanziare; 2) vincolatività dei proventi al progetto selezionato. In particolare, il denaro deve essere depositato su conto vincolato o trasferito in un portafoglio specifico o comunque tracciato dall’emittente; 3) rendicontazione, almeno annuale, dell’utilizzo dei proventi, con la puntuale indicazione dei progetti per cui vengono utilizzati; 4) rilascio, da parte di un revisore esterno, di una second opinion che certifichi documenti e obiettivi.

L’ICMA, l’associazione internazionale dei mercati di capitali, è stata la prima a stilare le caratteristiche dei Green Bond a livello internazionale, i cosiddetti Green Bond Principles.

Si tratta, tuttavia, di un’autoregolamentazione dei mercati che non prevede sanzioni, oltre a quella irrogata dal mercato stesso: l’emittente di un Green Bond è tenuto a rispettare i principi ICMA negli anni successivi all’emissione, in caso contrario ne risponderà in termini reputazionali, con possibili gravi danni per l’azienda. 

In ambito comunitario, gli esperti della Commissione europea hanno elaborato degli standard ad hoc per i Green Bond Ue che prevedono, tra l’altro, l’obbligo per chi fornisce la second opinion di essere iscritto a un elenco gestito dall’ESMA, l’authority che regolamenta i mercati finanziari europei.

 

Leggi l'intervista di Maria Giovanna Ioppolo.


Emergenza Coronavirus. Decreto Cura Italia: sintesi e suggerimenti

Lo Studio legale Nomos ha predisposto n. 3 brevi prospetti che riassumono e chiariscono i principali provvedimenti e aiuti introdotti (i) dal decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, rubricato "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19" e sinteticamente denominato “Cura Italia” (di seguito “Decreto”) e (ii) dai successivi interventi normativi e regolamentari.

In particolare:

1) il primo prospetto individua gli incentivi fiscali introdotti dal Decreto e evidenzia i casi di sospensione degli obblighi di versamento di tributi e contributi e di altri adempimenti fiscali;

2) il secondo prospetto si concentra sulle misure a sostegno dei lavoratori e delle aziende per la difesa del lavoro e del reddito, specificandone le relative procedure e condizioni di accesso; e

3) il terzo prospetto offre una dettagliata descrizione dei provvedimenti volti a sostenere la liquidità delle famiglie e delle micro, piccole e medie imprese, tramite il sistema bancario e l’utilizzo del fondo centrale di garanzia e delle rispettive procedure di accesso. A tal ultimo riguardo, vogliamo consigliare a tutti i beneficiari di un mutuo e/o di un finanziamento di rivolgersi alla propria filiale per ricevere consigli o suggerimenti circa l'eventuale sospensione degli stessi

Download
Misure fiscali
Misure fiscali.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB
Download
Misure a sostegno del lavoro
Misure a sostegno del lavoro.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

Download
Mutui e fondo di garanzia
Mutui e fondo di garanzia.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

Decreto fiscale 2020: anticipate al 2019 le agevolazioni per i lavoratori impatriati

Al fine di combattere il fenomeno della “fuga dei cervelli”, il nuovo art. 13-ter del Decreto fiscale 2020, rubricato “Agevolazioni fiscali per i lavoratori impatriati”, anticipa all’anno di imposta in corso le agevolazioni fiscali per tutti coloro che, a decorrere dal 30 aprile 2019, trasferiscono la residenza in Italia.

POS: il Decreto fiscale 2020 conferma i meccanismi premiali per favorire l’utilizzo dei pagamenti elettronici.

A partire dal 1° luglio 2020, ai commercianti e ai professionisti, i cui ricavi e compensi riferiti all’anno d’imposta precedente non eccedano l’importo di 400.000 euro, verrà riconosciuto un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per transazioni effettuate con carte di pagamento.